Tecnologia

Il tag diventa di proprietà di Facebook


Conosciuto da tutti e in tutto il mondo il termine tag (Tagging Digital Media) è il sistema per identificare immagini, persone e tutto quello che vogliamo taggare su Facebook, ora diventato un brevetto riconosciuto . Sicuramente è stato anche la fortuna di Facebook questo nuovo modo di interagire con le persone, lo strumento più utilizzato dalle persone sul social network in questi anni. Questo significa ora Facebook avrà la proprietà esclusiva di questo sistema che prima non era conosciuto o meglio non utilizzato. Il tag con il tempo è diventato sempre di più l’elemento fondamentale che reggeva la forza e l’iterazione di milioni di persone.Oggi tutto questo è diventato un brevetto sotto il controllo di Facebook.

L’ideatore principale è Mark Zuckerberg, fondatore del social network, che possiamo dire ha ideato questa moda di taggare tutto quello che vogliamo sul web. Basta pensare ad una foto che ha avuto circa 90mila tag su Facebook.Ci sono voluti cinque anni ma adesso la proprietà del software o algoritmo di tagging è salva per il creatore di Facebook. Oggi che il verbo “taggare” è utilizzato da tutti ed è di uso quotidiano per grandi e piccini.Per tutti non cambia molto dopo questo riconoscimento mondiale, ma permetterà al creatore di dormire sogni tranquilli. Il brevetto consentirà a Zuckerberg di evitare che altri siti di social network utilizzino questo termine nel loro portale.Ovviamente potete utilizzare il termine e l’espressione come e quando volete, ma certamente da ora in poi molti siti web e web application dovranno porre attenzione a l’uso di questo termine nel loro sito web.



Argomenti correlati a: Il tag diventa di proprietà di Facebook


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>