Tempo Libero

WARHAMMER 40,000: DARKTIDE, il co-writer Dan Abnett


Fatshark ha annunciato che sta collaborando con l’acclamato autore di Warhammer Dan Abnett per il prossimo W40K: Darktide.

Fatshark sta portando il suo pluripremiato gameplay cooperativo nel 41° Millennio e, con l’aiuto di Dan Abnett, lo sviluppatore è fiducioso di portare la migliore esperienza possibile per i giocatori di 40.000.

Dan Abnett è ben noto nell’universo di Warhammer per i suoi romanzi più venduti. È anche famoso per il suo lavoro nell’industria dei fumetti, che include progetti che sono diventati importanti film di Hollywood, e per il suo pluripremiato lavoro di gioco. Per i personaggi di Warhammer, le spade sono spesso le armi più potenti, ma nel caso di Dan la penna è più potente.

“Dan Abnett ha oltre due decenni di esperienza di lavoro con Warhammer 40,000 e siamo entusiasti di collaborare con lui e dare ai giocatori il gioco che meritano”. afferma Martin Wahlund, CEO e co-fondatore Fatshark

“Lavorare con Fatshark è stato fantastico”, afferma Dan Abnett. “È fantastico collaborare con loro e vedere le loro incredibili abilità creare l’universo di Warhammer 40K in modi vividi, realistici e interattivi. Le cose che ho solo immaginato prima, o che ho creato in prosa, stanno esplodendo nella vita”.

Warhammer 40.000: Darktide arriverà su PC e Xbox Series X/S nel 2021.

Di seguito, Domande e Risposte con Dan Abnett

Raccontaci qualcosa di te.

Sono uno scrittore di fumetti, romanzi e giochi. Ho iniziato con i fumetti, lavorando per la Marvel, e da allora ho scritto per tutte le maggiori compagnie: Marvel, DC, Dark Horse e la famosa 2000AD del Regno Unito. Il mio lavoro per la Marvel sui Guardiani della Galassia è stato utilizzato come base per i film Marvel. Ho anche scritto più di cinquanta romanzi, molti best-seller… Doctor Who, Primeval, Torchwood, Tomb Raider e molti per l’universo di Warhammer, e ho lavorato a giochi come Alien:Isolation e Shadow of Mordor. Amo quello che faccio e so di essere fortunato a farlo.

Quando sei entrato in contatto per la prima volta con Warhammer e quando hai iniziato a lavorare con il marchio?

Conoscevo bene Games Workshop: all’epoca ero un appassionato giocatore di ruolo carta e penna, e quando sono stato invitato a lavorare per Warhammer, proprio all’inizio della loro linea di pubblicazione di fiction, ho avuto un buona interpretazione dell'”atmosfera” dell’universo. Ho scritto molti romanzi, fumetti e racconti per loro negli ultimi due decenni, poiché il loro successo come editore di narrativa è cresciuto, e sono stato anche in grado di contribuire a plasmare un po’ l’universo nei miei libri. La mia serie Eisenhorn (romanzi Inquisitor) e la mia serie Gaunt’s Ghost (Imperial Guard) hanno arricchito aspetti del mondo 40K, e ho scritto alcune parti chiave della serie di romanzi Horus Heresy, il “mito” di fondo dell’intero universo.

Qual è la tua cosa preferita con Warhammer 40,000?

È un universo così ricco. È notoriamente ‘buio’… non è certamente un posto in cui vorresti davvero vivere, ma ha un’atmosfera grandiosa, epica, decadente… meravigliosa. È abbastanza diverso da qualsiasi altra cosa. L’Imperium dell’Umanità è vasto, antico, stagnante e pieno di superstizioni e credenze zelanti. È anche permanentemente in guerra, contro specie aliene potenti e predatrici, e il potere infernale del Warp. Quello che amo di più, suppongo, è che non c’è davvero limite a quello che puoi fare… dalle piccole storie, alla fiction in stile ‘investigatore’, alla fantascienza militare, al mito epico totale. È uno spazio straordinario, pieno di idee e possibilità e con uno stile visivo straordinario. Ma la sua “oscurità cupa” è la qualità più deliziosamente definita e il suo aspetto più avvincente.

Non appena senti 40.000 pensi agli Space Marine. Quando hai sentito che Darktide non voleva concentrarsi sugli Space Marine, ma su un gruppo eterogeneo di personaggi umani, qual è stata la tua reazione?

Gli Space Marine sono iconici, ma sono forze d’élite post-umane molto potenti… e anche molto rare nella vasta scala dell’universo. Gli umani sono abbondanti. Sebbene gli Space Marine siano l’ovvio punto di partenza per qualsiasi gioco o romanzo, in realtà si ha un’idea molto migliore dell’universo, in tutta la sua ampiezza gotica e l’orrore cosmico, se lo si vede dal punto di vista di un normale essere umano. Nei romanzi, come la serie di Gaunt o il ciclo di Eisenhorn, ho scelto il punto di vista “umano” perché è così gratificante. È il caso anche di Darktide. Vogliamo enfatizzare la scala umana, il “cuore” umano nel mezzo della vastità e della meraviglia cosmica… e vogliamo anche enfatizzare l’aspetto della sopravvivenza e dell’orrore. Come essere umano, sei vulnerabile: si tratta di arguzia, coraggio, determinazione e concentrazione. non sei immortale, invulnerabile o che indossa un’armatura potenziata di ceramite. Siete solo tu e l’oscurità, e questo rende l’esperienza di gioco davvero incredibile.

Qual è il vantaggio di avere un punto di vista umano per i giocatori?

C’è più carattere, più dettagli e una maggiore ricchezza. Riuscirai a capire le cose e ad affrontarle come se fossi davvero lì, e imparerai molto di più su com’è la vita nell’Imperium per la stragrande maggioranza delle persone. I rischi sono maggiori, ma lo sono anche le sottigliezze e gli intrighi. Inoltre amplifica davvero l’eccitazione: come essere umano, sei fragile e vulnerabile, e probabilmente anche spaventato. E non hai idea di cosa stai per trovare e affrontare. Il giocatore avrà un’identificazione molto maggiore con il proprio personaggio e dovrà imparare a restare con la propria squadra e lavorare con loro per sopravvivere.

Qual è la sfida più grande nel raccontare una prospettiva umana in un mondo di Warhammer 40,000? 

Renderlo comprensibile e ‘reale’… costruire un mondo credibile in cui gli esseri umani possano vivere, con una società e una cultura dettagliate. E anche non rendere le cose così letali da non durare cinque minuti! 🙂

Raccontaci della vita nell’alveare di Tertium.

In molti modi, è tipico di molte o della maggior parte delle “città alveare” dell’Imperium. È vecchio, in alcune parti decadente e in altre privo di legge, è sovrappopolato e vincolato alle regole e agli editti del controllo imperiale. È anche – e non posso sottolinearlo abbastanza – vasto. È una città delle dimensioni di un paese, un continente. Miliardi di persone vivono qui e nel suo labirinto di strade e nei suoi profondi sottolivelli puoi incontrare quasi chiunque e scoprire quasi tutto. Dall’opulenza sbiadita e ornata delle guglie più alte dove vive l’aristocrazia, ai livelli medi industriali e ai mercati di strada, ai livelli sub-sub più bassi e pericolosi, abbandonati e dimenticati, è un luogo di dettagli, pericolo e meraviglia . E segreti. Ci sono segreti nascosti in angoli bui ovunque… tecnologia perduta, imprese criminali, storie oscure… e forse altre cose ancora peggiori e che minacciano il tessuto della società imperiale. Ecco perché è arrivato l’Inquisitore, ed è per questo che ti ha ordinato di esplorare e scoprire quei segreti. Questo è il gioco.

A chi non conosce Warhammer 40,000, con quali libri consigli di iniziare?

Il gioco stesso, i manuali ei codici di base sono un ottimo posto, così come la finzione. C’è molto che puoi leggere e puoi immergerti ovunque. Posso consigliare i miei lavori? La trilogia di Eisenhorn (che porta a ulteriori storie) parla di un Inquisitore e della “vita ordinaria e quotidiana” nell’Imperium ed è spesso citata come un ottimo punto di partenza. Se vuoi imparare la mitologia di fondo, vai alla serie Horus Heresy. Se vuoi vivere la vita militare dal punto di vista di un normale soldato umano, prova i miei libri di Gaunt’s Ghosts, o per una visione delle cose dalla prospettiva degli Space Marine, prova subito i fantastici romanzi Dark Imperium, che mostrano l’Adeptus Astartes e rivelare lo stato attuale delle cose in questo universo devastato dalla guerra.



Argomenti correlati a: WARHAMMER 40,000: DARKTIDE, il co-writer Dan Abnett