Tempo Libero

Tales of Vesperia: Definitive Edition, la nostra recensione


Lo attendevamo da molto tempo, finalmente Tales of Vesperia ritorna, nel pieno della sua maturità tecnica e grafica, per tutte le piattaforme nella Definitive Edition di Bandai Namco.

Da sempre uno dei capitoli più affascinanti e sicuramente uno dei titoli del franchise più amati di sempre: Tales of Vesperia: Definitive Edition certo non aveva un’eredità facile da soddisfare. Eppure, eppure, proprio questa avventura fantastica è riuscita a riportarci indietro nel tempo, con una proiezione decisa verso il futuro e i nuovi supporti. Perché, se dieci anni fa l’avevamo visto solo su Xbox 360 e, successivamente su PS3 in terra nipponica, da adesso possono giovarsi della creatività e del gameplay migliorato per un JRPG di vecchio conio i gamers di PS4, di Xbox One, su PC e ovviamente anche su Nintendo Switch, di tutto il mondo.

20180610_ToV_Definitive-Edition_mystic_arte_1528673133

Un piacevole ritorno in quel di Terca Lumireis, illuminata dalla luce di Ardor Vesperia: Una terra fantastica in cui le avventure si susseguono con una leggerezza affascinante e con una linearità che non annoia mai. Condito con un design amabilissimo e aggraziato, in stile anime decorato e coloratissimo, morbido e sinuoso. Non dimentichiamo che stiamo parlando pur sempre di un remake, ma che non lascia intendere quasi mai di avere un passato, apparendo, in tantissime parti, cut-scene, dialoghi, ambientazioni, modelli poligonali dei personaggi, quasi un’esclusiva di moderno concepimento.

20180610_ToV_Definitive-Edition_Yuri_Flynn_1528673137

Le avventure di Yuri Lowell, tanto per ricordare un po’ di trama e convogliare verso una narrazione leggera, lineare ma ben strutturata anche con qualche colpo di scena non esagerato, si intrecciano con quelle della delicata e ingenua Estelle. Lei, una principessa educata, elegante e filantropa fino al buonismo più puro, lui, un ex soldato dell’impero, divenuto mercenario ma con alcuni principi sani che si lasciano intravedere di tanto in tanto. La quest inizia alla ricerca di un blastia rubato: i blastia sono congegni che permettono di far andare avanti il mondo, intrisi di magia e tecnologia, indispensabili per la sopravvivenza di città e borghi. Con i mostri e le bestie sempre in agguato. I due si uniranno in un viaggio che li porterà a cercare il migliore amico di Yuri e venerato dalla principessa, Flynn: una guardia imperiale di alto rango. Da qui in poi, come in ogni buon JRPG e Tales Of che si rispetti, ostacoli, misteri ed avventure porteranno i due protagonisti ad affrontare decisioni difficili, un mondo in costante declino e ad incontrare vari amici ed eroi.

In un contesto che prende a piene mani dalla tradizione dei giochi di ruolo alla giapponese, in Tales of Vesperia: Definitive Edition possiamo riscontrare la cura dettagliata delle personalità dei personaggi, maturi e profondi, ciascuno con sfaccettature diverse e particolareggiate, non solo sul piano del combattimento, ma anche su un livello prettamente caratteriale. La storia, come detto lineare ma coinvolgente, viene accompagnata da un gusto delizioso per il character design, con grafica cel-shading gradevolissima e colori che non stonano con un mondo fantastico ricreato a dovere. Anche nei dialoghi a finestra, tipici dei JRPG, intanto non ci si annoia mai, e poi le animazioni dei ritratti contribuiscono a eliminare un senso di staticità tipica di questo genere. Avventura dopo avventura, ci accorgiamo che Tales of Vesperia Definitive Edition aggiunge tanta carne al fuoco rispetto all’originaria versione: oltre a due nuovi personaggi giocabili, come la ragazzina Patty e Flynn, nuove avventure, nuovi dialoghi e scenette tutte da gustare.

20180610_ToV_Definitive-Edition_event_2_1528673131

Sul combat-system, si nota un’evoluzione del sistema di battaglia lineare visto in precedenza, il party infatti dovrà affrontare i nemici in un campo di battaglia definito, avrà possibilità di movimento libero, ma il colpo, per andare a segno, dovrà comunque rispettare la corretta angolazione. Niente di così meccanico o ostico, anzi, basta poco per capire le dinamiche di battaglia e, di conseguenza, studiare la corretta strategia in combattimento. Ad un certo punto della storia avremo la possibilità di scegliere il personaggio da guidare anche nei dungeon e negli spostamenti su mappa, oltre a definire, con una certa profondità le abilità di ciascun membro del nostro party. Ritorna, ovviamente, la gestione delle Arti e il loro utilizzo più o meno utile in base al nemico, le combo delle arti, le abilità speciali acquisite e definite da armi e item specifici, e un fantastico colpo fatale, tecnica essenziale per avere la meglio su alcuni temibili boss.

Tales of Vesperia: Definitive Edition è uno dei capitoli più amati della serie, che arriva in una versione mastodontica e multipiattaforma, migliorata sotto tutti i punti di vista, con tratti di accuratezza e dettagli che consentiranno tante ore di divertimento ai fan del franchise, ma anche a tutti gli amanti di GDR in salsa giapponese, in generale. Consigliatissimo.

TALES OF VESPERIA: DEFINITIVE EDITION REVIEW

SVILUPPATORI 88%
STORIA 88%
GRAFICA 88%
GIOCABILITA' 85%
DURATA 88%
PERSONAGGI 88%
Final Thoughts

Tales of Vesperia: Definitive Edition è uno dei capitoli più amati della serie, che arriva in una versione mastodontica e multipiattaforma, migliorata sotto tutti i punti di vista, con tratti di accuratezza e dettagli che consentiranno tante ore di divertimento ai fan del franchise, ma anche a tutti gli amanti di GDR in salsa giapponese, in generale. Consigliatissimo.

Overall Score 87% VALUTAZIONE
Readers Rating
2 votes
83


Argomenti correlati a: Tales of Vesperia: Definitive Edition, la nostra recensione