Tempo Libero

Six Days in Fallujah, shooter tattico militare basato sui fatti del 2004, in arrivo quest’anno


Victura e Highwire Games hanno annunciato oggi Six Days in Fallujah , uno sparatutto militare tattico in prima persona basato su storie vere della Seconda battaglia di Fallujah nel 2004, in arrivo su PC e console nel 2021. Annunciato originariamente da Atomic Games nel 2009, Six Days in Fallujah ritorna con un nuovo editore, un nuovo sviluppatore e un nuovissimo gioco dalle menti e mani di leader del settore che hanno creato i giochi originali di Halo e Destiny .

“A volte l’unico modo per capire cosa è vero è sperimentare la realtà da soli”, dice l’ex sergente della marina Eddie Garcia, che è stato ferito durante la Battaglia di Fallujah e ha proposto l’idea originale per Six Days in Fallujah nel 2005. “La guerra è piena di l’incertezza e le scelte difficili che non possono essere comprese guardando qualcuno su una TV o uno schermo cinematografico fanno queste scelte per te. I videogiochi possono aiutare tutti noi a comprendere gli eventi del mondo reale in modi che altri media non possono fare “

La seconda battaglia per Fallujah è iniziata nel 2004 dopo che Al Qaeda ha preso il controllo di una delle principali città irachene. La battaglia si è rivelata il conflitto militare più duro per le forze occidentali dal 1968.

Atomic Games ha annunciato Six Days in Fallujah nel 2009, ma ha visto il titolo abbandonato dal suo editore originale a seguito delle polemiche sulla capacità dei videogiochi di coprire eventi impegnativi del mondo reale. Victura è una società di pubblicazione e produzione fondata nel 2016 dall’ex CEO di Atomic Games Peter Tamte con l’obiettivo di offrire ai giocatori un nuovo Six Days in Fallujah , insieme ad altri giochi basati su storie vere.

Lavorando in collaborazione con Marines e soldati in prima linea che hanno combattuto nella Battaglia di Fallujah, Victura e Highwire hanno trascorso più di tre anni a costruire tecnologie e meccaniche di gioco uniche che avvicinano i giocatori all’incertezza e alle tattiche del combattimento moderno rispetto ad altri videogiochi.

Oltre 100 marines, soldati e civili iracheni che erano presenti durante la seconda battaglia di Fallujah hanno condiviso le loro storie personali, fotografie e registrazioni video con il team di sviluppo. Il gioco dà voce a queste storie attraverso il gameplay e gli account in prima persona catturati nel filmato originale dell’intervista documentaria. Six Days in Fallujah si propone di essere il più autentico sparatutto militare fino ad oggi e di raccontare queste storie militari e civili con l’integrità che meritano.

“È difficile capire cosa sia realmente il combattimento attraverso persone false che fanno cose false in luoghi falsi”, afferma Peter Tamte, CEO di Victura. “Questa generazione ha mostrato sacrificio e coraggio in Iraq straordinari come nessun altro nella storia. E ora stanno offrendo al resto di noi un nuovo modo di comprendere uno degli eventi più importanti del nostro secolo. È ora di sfidare gli stereotipi obsoleti su cosa possono essere i videogiochi “.

Six Days in Fallujah verrà lanciato per PC e console nel 2021. Victura annuncerà ulteriori dettagli su Six Days in Fallujah nelle prossime settimane.



Argomenti correlati a: Six Days in Fallujah, shooter tattico militare basato sui fatti del 2004, in arrivo quest’anno