Tempo Libero

Monster Jam: Steel Titans 2, la nostra recensione


Monster Jam: Steel Titans 2 ti mette alla guida dei colossali monster truck, coloratissimi, spettacolari, con tutta l’adrenalinica passione che ci prende quando, come in una sorta di momento di onnipotenza, ci mettiamo a schiacciare tutto quello che ci si pone davanti, capovolgendoci, facendo piroette e capriole ai limiti del sostenibile, distruggendo quel poco che rimane delle carene del nostro mostro e cercando di risultare più spettacolari degli altri.

Il senso di onnipotenza quando si guida, seppur in versione simulata un monster truck, si avverte in ogni momento delle varie gare a tempo o a punteggio, o a tracciato, in Monster Jam: Steel Titans 2. Per di più ci si sente all’interno di una vera e propria arena, gremita di gente che sbava per vedere distruggere e planare mostri a 4 ruote motrici, con tutta l’adrenalina che scarica sul joypad e, di conseguenza, si trasmette al nostro piccolo coloratissimo gioiello. Inoltre, la varietà delle modalità di gioco permette di optare per questo o quel mostro della strada e del fuori-strada in base al tipo di gara che andiamo ad affrontare.

Saranno infatti sbloccati monster truck davvero particolari, ciascuno potenziabile e con caratteristiche peculiari al tipo di tracciato o di sfida. Andremo quindi ad optare per i più dinamici ed elastici, nonché leggeri, per andare ad affrontare gare a punteggio dato da pirotecnici voli o roteate e derapate (accumulando il boost) o salti nel vuoto, per quelli a maggiore tenuta di strada per affrontare gare a percorso con altri concorrenti o percorsi a tempo che richiedono una maggiore stabilità, se di stabilità si può trattare quando parliamo di monster truck. Da non sottovalutare la possibilità di sistemarci in corsa o in volo potendo ruotare le ruote anteriori (levetta sinistra) e quelle anteriori (levetta destra) indipendentemente in qualsiasi momento. Insomma, una scarica di adrenalina e divertimento che non si avverte solo nelle gare a classifica, ma anche nel multiplayer.

Una parte interessante del gameplay è data dall’Hub di gioco, infatti, quando non ci troviamo a gareggiare in tracciati o nelle arene, ci troviamo in un parco esplorabile, con un livello di appagamento dell’esplorazione che non ci si aspettava. Infatti, oltre alla possibilità di raggiungere luoghi necessari per upgradare monster truck e piloti come il box (lì si troverà anche il nostro parco macchine), oppure come l’ingresso verso la nuova sfida in arena o freestyle, si potranno esplorare parchi a tema, parchi verdi, desertici, montani, con alcuni obiettivi e misteri da svelare.

Diciamo pure che la parte divertente di Monster Jam: Steel Titans 2 si afferma con i momenti di gara e di sfida, con un buon numero di monster truck da sbloccare, parecchi di essi coloratissimi e anche ironici (come lo scuola bus…), ma anche nei momenti esplorativi in cui è possibile anche potersi scatenare a più non posso, la possibilità di gareggiare online dona un tocco ulteriore di ricchezza al pacchetto, seppur qualche elemento un po’ datato nell’aspetto grafico e alcuni snervanti momenti di ribaltamento che diventano troppi a lungo andare possono far calare i livelli di divertimento.

Monster Jam: Steel Titans 2 – Un gioco che si prende sul serio, ma non troppo, con un gameplay che diverte, talvolta destando in noi un senso di onnipotenza, ma che presenta qualche difetto grafico, con texture di qualche tempo fà e un po’ troppi ribaltamenti. Nel complesso l’esperienza di gioco è sicuramente positiva, potrebbe soffrirne un po’ la longevità (per alcuni momenti snervanti come i ribaltamenti).

Final Thoughts

Monster Jam: Steel Titans 2 mette in gara un gameplay che diverte, talvolta destando in noi un senso di onnipotenza, ma che presenta qualche difetto grafico, con texture di qualche tempo fà e un po' troppi ribaltamenti. Nel complesso, un'esperienza videoludica da fare, anche solo per sentirsi parte integrante di un mostro della strada.

Overall Score 78%
Readers Rating
1 votes
65


Argomenti correlati a: Monster Jam: Steel Titans 2, la nostra recensione