Tecnologia

McAfee mostra perché la difesa malware deve evolversi



Alcune settimane fa un aggiornamento del noto antivirus McAfee ha portato a dei falsi positivi compromettere tutti i sistemi di Windows XP, questo per il semplice fatto che i moderni sistemi antivirus operano su possibili minaccie e isolarli. Sarebbe molto facile puntare semplicemente il dito contro McAfee, interrompere l’assunzione di un ingegnere della sicurezza e continuare ad andare avanti, ma l’incidente è un esempio del perché l’industria anti-malware – non solo McAfee ha bisogno di un nuovo algoritmo per combattere al meglio i malware più evoluti.

Il modello signature-based è viziato e difficile da implementare e mantenere. È un miracolo che situazioni come la questione McAfee scorsa settimana non si presentano su base regolare.

Potrebbe generarsi una nuova generazioni di malware che hanno proprio questo compito, abbattere gli antivirus e rendere il sistema down per giorni , immaginiamo per strutture sanitarie e strutture governative cosa comporta questa nuova generazione di malware, una perdita e danno di immensa portata.

Symantec ha creato 2.895.802 firme nuovo codice maligno solo lo scorso anno. Questo è stato un aumento 71 per cento rispetto al 2008 ,un numero che rappresenta più della metà di tutte le firme di codici maligni mai studiati da Symantec. Inoltre, Symantec ha identificato più di 240 milioni di nuovi programmi maligni, un aumento del 100 per cento rispetto al 2008, dai che lasciano amore e paura per la sicurezza.



Argomenti correlati a: McAfee mostra perché la difesa malware deve evolversi


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *