Tempo Libero

Hentai vs. Evil, la nostra recensione


Hentai vs. Evil, è proprio quello che dice di essere, ossia belle ragazze avvenenti che si scontrano all’ultimo sangue contro orde di nemici e mostruosità invadenti.

Chiara la netta predisposizione al fanservice degli sviluppatori di Catness Games Studios, e con tematiche molto inflazionate come Zombie, orchi, demoni: ogni sorta di mostro ha invaso città e spiagge, le nostre eroine, personalizzabili e gradevolissime allo sguardo, dovranno prendere a piene mani, accaparrarsi armi e potenziamenti e sconfiggere le continue orde, in tempo per salvare altre avvenenti amiche dalla prigionia. E poi farsi aiutare nella lotta alle invasioni mostruose.

In effetti, a volte un po’ di uccisioni di zombie e demoni è tutto ciò di cui abbiamo bisogno, senza troppo stare a pensare e storia, trama, evoluzione dei personaggi etc etc. Puro e semplice shooter carino e divertente a un sufficiente livello, che non si prende mai troppo sul serio, e tale da farci passare alcune ore in compagnia di belle ragazze e di orde di nemici affamati. Senza fronzoli.

Non ci sarebbe bisogno di sottolinearlo ulteriormente, ma ogni eroina giocabile è completamente personalizzabile, dalla forma del corpo e dell’acconciatura, all’abbigliamento, outfit e agli accessori

Sono disponibili, insieme al buon livello di personalizzazione, specie se si tiene conto del budget esiguo di questo gioco, anche molteplici modalità di gioco e impostazioni di difficoltà, che quindi consentono ai giocatori di decidere il loro approccio alle missioni, e che offrono anche un buon livello di rigiocabilità

Lo shooter-horror in salsa hentai è un buon passatempo, dove immergersi qualche ora senza riflettere troppo e rimanendo incollati al grilletto.

HENTAI VS. EVIL - REVIEW PS

Final Thoughts

Lo shooter-horror in salsa hentai è un buon passatempo, dove immergersi qualche ora senza riflettere troppo e rimanendo incollati al grilletto.

Overall Score 70% VALUTAZIONE
Readers Rating
0 votes
0


Argomenti correlati a: Hentai vs. Evil, la nostra recensione