Tempo Libero

Elex II, la recensione PS4


In Elex II, dopo alcuni anni, trascorsi i quali l’eroe, e riconosciuto tale, Jax si era ritirato a vita privata, la sfortuna volle che la sua abitazione, fatiscente e minimal, venisse distrutta da qualcosa piovuto dal cielo. Una nuova minaccia, che farà da pretesto a questo nuovo capitolo dell’action RPG in salsa sci-fi di Piranha Bytes, incombe sul mondo di Jax, che sarà, suo malgrado, quasi costretto a intraprendere un nuovo viaggio e una nuova avventura, per di più con tutti i suoi crismi e poteri andati perduti.

Rimasto quindi senza casa, Jax dovrà intraprendere un viaggio di ricerca, una corsa contro il tempo per scoprire e sconfiggere il nuovo nemico e la nuova minaccia che si frappone tra la sua ritrovata tranquillità (ma vedremo ben presto che non era proprio tutto oro quello che luccicava…) e la condizione del mondo che lui stesso aveva salvato. Come detto, non continueremo il viaggio iniziato nel primo capitolo di Elex, almeno per quel che concerne i poteri del nostro eroe, mentre gli avvenimenti storici accaduti saranno ben presenti e costantemente rievocati dai tanti personaggi che incontreremo in questo nuovo viaggio alla ricerca di un nuovo Jax. Dovremo quindi, come nel titolo originale, potenziarci man mano, svolgendo piccole e medie missioni, uccidendo nemici oltremondani, sconfiggendo minacce insormontabili.

Potremo quindi stabilire a quali valori dedicare la nostra maggiore attenzione, distribuendo i punti esperienza tra i vari forza, destrezza, intelligenza, costituzione, acume, facendo inoltre molta attenzione a come intendiamo procedere: un determinato tipo di sviluppo del nostro personaggio ci consentirà o meno di adoperare armi, armature ed equipaggiamenti solo a determinate condizioni, ma non solo. Infatti, le nostre scelte condizioneranno tutto il futuro di Jax, dedicandoci a questo o a quell’insegnamento, indispensabile per poter adoperare armi e poteri di un certo tipo, oppure aprendo a nuovi dialoghi e rapporti più o meno amichevoli con i vari NPC che incontreremo durante il nostro percorso.

Come abbiamo sempre potuto constatare, la libertà di scelta, i condizionamenti di una o dell’altra azione, la scelta di una o dell’altra opzione (semplifichiamo in uno schema binario, ma le opzioni sono sempre molteplici e i percorsi molto variegati) sono state prerogative dei titoli di Piranha Bytes, e anche Elex II non è certo da meno. Anzi, possiamo sicuramente dire che le opportunità che ci si parano davanti, le occasioni, le molteplici vie da percorrere, sono i principali elementi di spicco del titolo: avremo infatti la possibilità di personalizzare al massimo il carattere, le abilità, la predisposizione verso uno specifico sentimento, oltre ad armi e accessori del nostro Jax, potendo così affermare che l’elemento di rigiocabilità è un must per questo gioco.

Anche la possibilità di scegliere una o l’altra fazione, oltre a condizionare il prosieguo della storia di Jax, permette di affrontare l’avventura con in mano poteri e abilità particolari ed esclusive: le fazioni, alle quali non siamo comunque costretti a legarci per forza (ma è consigliabile specie per avere alleati e poteri amplificati verso la fine del viaggio) sono cinque e constano nei Berserker, tra le cui fila si erge la vecchia compagna di Jax con la quale ha avuto anche un figlio, poi ci sono le Albe, i padroni incontrastati dell’Elex e da cui proviene il nostro eroe, i veri guerrieri del mondo nuovo, ossia i Morkons, poi i Fuorilegge, che conosciamo bene anche dal primo capitolo, e i Chierici, anche questi ben noti ai giocatori di Elex. La possibilità o meno di affiliarsi ad una fazione o meno amplifica e non poco le variabili in mano al giocatore.

La libertà di scelta data al giocatore, ovviamente, condiziona l’esperienza di gioco, e sblocca finali differenti, ma non credete che qualsiasi scelta sia quella giusta: l’esplorazione del mondo di Elex II è tutt’altro che rilassante, nemici e pericoli, anche piuttosto aggressivi, sono sempre dietro l’angolo, un mondo aperto dove i giocatori verranno spesso spazzati via se non dedicano una certa attenzione a dove mettono i piedi.

I fan di Piranha Bytes saranno dunque accontentati da Elex II: libertà di scelte, diverse possibili vie da seguire, un gioco di ruolo d’azione ricco di missioni da svolgere e con tanti personaggi da incontrare. Anche il sistema di combattimento in questo Elex II appare migliorato e maggiormente dinamico, così come il gameplay invece rispecchia quanto di buono fatto dai devs nei titoli precedenti.

L’aspetto grafico e tecnico non fanno gridare al miracolo, nel senso che nel passaggio dal primo al secondo capitolo di Elex non sembra essere trascorso tanto tempo, ma, la ricchezza di contenuti, di nemici e amici, di percorsi impervi da intraprendere fa pendere l’ago della bilancia verso gli aspetti positivi di questo nuovo capitolo dell’action RPG di Piranha Bytes. Si potrà soprassedere su alcuni errori tecnici talvolta notevoli, godendosi l’esperienza di Elex II e il viaggio di Jax anche più di una volta.

Elex II è il degno erede del primo titolo della serie di Piranha Bytes: un gioco di ruolo d’azione immerso in un mondo sci-fi e tecnologico, che consegna una massima libertà di scelta al giocatore in tutti i suoi aspetti. Ad alcuni errori tecnici e ad aspetti grafici non proprio di ultimo grido fanno da contraltare una elevata rigiocabilità e il destino completamente nelle mani del giocatore.

ELEX II - REVIEW PS4

Final Thoughts

Elex II è il degno erede del primo titolo della serie di Piranha Bytes: un gioco di ruolo d'azione immerso in un mondo sci-fi e tecnologico, che consegna una massima libertà di scelta al giocatore in tutti i suoi aspetti. Ad alcuni errori tecnici e ad aspetti grafici non proprio di ultimo grido fanno da contraltare una elevata rigiocabilità e il destino completamente nelle mani del giocatore.

Overall Score 75% VALUTAZIONE
Readers Rating
1 votes
78


Argomenti correlati a: Elex II, la recensione PS4