Tempo Libero

Video Copertina Crozza Ballarò, puntata 24 giugno 2014, Youtube e Rai: L’Italia perdente di Prandelli e Renzi


Come di consueto è andata in onda la puntata di Ballarò del martedì 24 giugno 2014, con la video copertina di Maurizio Crozza, comico che non poteva non menzionare la duplice Italia perdente, di Renzi e di Prandelli.

Il comico Crozza a Ballarò 2014, inizia così la propria copertina del 24 giugno: “Che brutta Italia Giova…, che brutta Italia…, tra l’altro, invece com’è andata la partita? Siamo fuori! Una squadra, da un lato, quella di Renzi, che va avanti a colpi di fortuna e senza fuoriclasse, e dall’altra quella di Prandelli…”.

Poi, Maurizio Crozza, comico genovese, si rivolge a Giovanni Floris in studio:

“Ma chiama uno come Fini, almeno andiamo avanti almeno due o tre puntate, ah ma c’è Fini?”, “In Italia c’è tanta voglia di Fini: al bar non si parlava d’altro…Ma cosa aspetta Fini a fondare un nuovo partito di destra?”.

 

[gard]

 

“Fini accetti un aiuto, vada in un centro: Ciao sono Fini, non tocco un goccio di politica da tempo…

“A settembre ancora Berlusconi chiedeva l’immunità a Napolitano, oggi si parla dell’immunità parlamentare…Ok, però i corazzieri a Palazzo Madama devono impedire che nessuno esca, non che nessuno entri…” (Risate e applausi scroscianti nello studio di Ballarò 2014). “L’immunità dovrebbe essere un reato anche solo come opinione…”.

 

Poi Crozza parla anche delle dimissioni di Cesare Prandelli, dopo aver fatto i salti mortali tra l’Italia di Renzi e quella di Prandelli: “Renzi, ciccio, se devi fare un’arca anche tu, vedi che quella che viene giù non è acqua…pensaci…”

“Buonasera Salvini, c’è Salvini. Ecco dopo il Porcellum sapere che Calderoli è li, mi dà la sicurezza di un Bonobo al volante del mio taxi”.

ECCO IL VIDEO RAITV (PRESTO VIDEO YOUTUBE) DELLA COPERTINA DI MAURIZIO CROZZA, A BALLARO’, PUNTATA DEL 24 GIUGNO 2014



Argomenti correlati a: Video Copertina Crozza Ballarò, puntata 24 giugno 2014, Youtube e Rai: L’Italia perdente di Prandelli e Renzi


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *