Tecnologia

Una migliore customer experience e 15 anni senza interruzioni di rete per il Leeds United FC grazie ad Allied Telesis e NETprotocol


La squadra del Leeds United Football Club (LUFC) offre una migliore esperienza ai tifosi e ai visitatori che varcano i tornelli dello stadio Elland Road di Leeds grazie all’aggiornamento della rete resiliente ad alta capacità di Allied Telesis. Il buon funzionamento dei tornelli, insieme a tutti gli altri aspetti dell’attività del club, deriva dalla connettività affidabile resa possibile dalla rete ad alta capacità di Allied Telesis che da 15 anni ormai è costantemente in funzione senza downtime.

Progettata, installata, manutenuta e supportata da NETprotocol, platinum partner di Allied Telesis, la rete copre sia lo stadio Elland Road a Leeds che i campi di allenamento della società, a Thorp Arch, Wetherby, a 20 chilometri di distanza

“Questa rete mission-critical gestisce ogni aspetto della nostra attività, dal back-office alle operazioni di sicurezza intorno al campo”, afferma Mark Broadley, responsabile IT e Facilities del LUFC. “Ci siamo affidati all’esperienza di NETprotocol e di Allied Telesis anni fa, quando ci hanno assicurato che la rete sarebbe stata altamente affidabile. Da allora la rete funziona senza interruzioni, cosa quanto mai preziosa per noi”.

Aerial photo of the Elland Road football stadium in Leeds, West Yorkshire, England, which is home of Leeds United Football Club showing construction work in the car park

Lo stadio Elland Road del Leeds United FC può ospitare 38.000 spettatori seduti ed è il 14° campo di calcio più grande d’Inghilterra. Dal punto di vista della rete, la sfida principale è rappresentata dalla necessità del club di un’operatività di rete ininterrotta. 24 ore su 24 e senza guasti per tutte le attività interne allo stadio, tra cui la gestione del back-office, il call center, gli spazi dedicati all’hospitality, la biglietteria, il negozio di merchandising, la tribuna stampa, lo studio televisivo e un sistema di sicurezza a circuito chiuso che gestisce diverse centinaia di telecamere di sorveglianza nell’intero complesso dello stadio.

“In questo ambiente dinamico che è lo stadio, le componenti da considerare in tema di rete sono davvero tante, così come gli obiettivi diversi da raggiungere contemporaneamente, con la tranquillità di sapere che tutto funzioni sempre. Avere questa sicurezza rende il mio lavoro molto più facile”, dice Mark Broadley.

Con quasi 200 telecamere distribuite lungo l’intero impianto, il sistema di CCTV è una parte fondamentale dell’infrastruttura, progettata per proteggere gli oltre 40.000 utenti, tra tifosi e lavoratori presenti nello stadio nei giorni delle partite. Poiché un guasto al sistema CCTV provocherebbe l’annullamento di una partita, NETprotocol ha installato un livello di rete dedicato, utilizzando uno switch Allied Telesis che supporta Power over Ethernet (PoE) per ogni telecamera in tutto lo stadio, garantendo ulteriormente la continuità di funzionamento del sistema di sicurezza.

La rete del Leeds United continua a essere un elemento critico, a maggior ragione con l’installazione di sistemi sempre più moderni e la crescente digitalizzazione dei servizi. La promozione della squadra in Premier League ha richiesto ulteriori aggiornamenti nei servizi e nella rete a supporto delle richieste legate alle partite, che riguardano la stampa, squadre in trasferta, sicurezza e altro ancora.

“Di recente abbiamo incrementato la larghezza di banda della rete aumentando la presenza della fibra a supporto di linee di comunicazione aggiuntive, ad esempio per lo streaming delle partite e delle interviste su LUFC-TV”, spiega Broadley. “Abbiamo sostituito i core di rete con connessioni di capacità ancora maggiore, aggiornato il sistema operativo AlliedWare Plus e introdotto un nuovo livello di amministrazione. Con un unico sistema di gestione dell’intera rete, siamo in grado di visualizzare tutto in modo molto più dettagliato”.

La rete del LUFC si basa su due connessioni in fibra ottica ad alta capacità e con instradamento diversificato che costituiscono il nucleo della rete resiliente. Una connessione a 20 gigabit si trova nel centro dati principale nella East Stand con una seconda connessione da 20 gigabit nella biglietteria della West Stand. Le fibre ottiche vengono instradate in modo diversificato intorno allo stadio creando un anello da 40 gigabit completamente privo di errori. A questi due nuclei sono collegati diversi armadi di rete che gestiscono il resto della struttura. La piattaforma di gestione della rete Vista Manager EX e l’Autonomous Management Framework (AMF) di Allied Telesis, gestiti da un’unica console, consentono di visualizzare in modo centralizzato i dettagli della rete, lo stato, le informazioni sugli eventi e di automatizzare attività comuni come gli aggiornamenti del firmware, i backup e il provisioning zero-touch.

Alessandro Amendolagine, Sales Director di Allied Telesis Italy, Israel & ME dichiara: “Quando implementiamo, proteggiamo e modernizziamo una rete, la sua longevità è di fondamentale importanza per noi. La rete del Leeds United FC ne è un ottimo esempio e ci auguriamo che la nostra collaborazione duri ancora per molti anni, per garantire che la rete continui a fornire ROI in termini di produttività, sicurezza e, cosa più importante di tutte, per far sì che le partite si svolgano ogni stagione senza intoppi.”



Argomenti correlati a: Una migliore customer experience e 15 anni senza interruzioni di rete per il Leeds United FC grazie ad Allied Telesis e NETprotocol