Facebook

Uscire da Facebook potrebbe non essere sufficiente



Facebook è di nuovo sotto i riflettori per l’opinione pubblica e la privacy. In questo caso, la colpa è dei cookie sul vostro social network e la nuova API, un mix letale di non privacy che potrebbe consentire alle applicazioni di pubblicare aggiornamenti sullo stato di un profilo utente, anche quando non ha una sessione aperta.Quando sembrava che Facebook aveva risolto tutti i problemi per proteggere la privacy dei suoi utenti contro la minaccia di Google + , una nuova polemica è emersa per gli utenti ignari di cosa si nasconde dietro il social network. A quanto pare, la nuova API consente alle applicazioni di pubblicare sul muro di un utente senza di lui eseguire qualsiasi azione. Per esempio, quando si visita una pagina, un messaggio può comparire nel profilo utente , che dice di aver visitato il sito web o aver letto un articolo .

Uno dei primi a pubblicare queste informazioni è stata Dave Winer , che ha proposto la risoluzione di chiudere la sessione ogni volta che non si utilizza il social network. Di sicuro non una soluzione praticabile e veloce. Tuttavia, l’australiano hacker e blogger Nik Cubrilovic postato un’altra voce nel registro che dice che non è sufficiente, perché, dice, che i cookie registrano tutte le informazioni a riguardo.

Così,gli utenti possono essere identificati, pur avendo porte chiuse , e le informazioni possono essere raccolte.L’unica soluzione possibile è quella di cancellare tutti i cookie dal social network dopo ogni visita o utilizzare diversi browser per navigare e utilizzare la rete sociale.



Argomenti correlati a: Uscire da Facebook potrebbe non essere sufficiente


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>