Tecnologia

Il trading online? Non è un gioco!


Chi è che non ha sentito parlare di trading online? Ormai lo conosciamo tutti, si tratta di operare sui principali mercati finanziari per comprare o vendere (vedremo che non è proprio così, ma è una buona approssimazione) azioni o monete e guadagnare dal cambiamento dei prezzi.
Purtroppo nella mente di molte persone si è formata l’idea che il trading online sia una specie di gioco o peggio un modo per fare soldi facili. Niente di più sbagliato!
Il trading online è qualcosa di estremamente serio, un’attività che deve essere condotta quindi in maniera seria e professionale.

Gli strumenti giusti
Per prima cosa questo significa che bisogna utilizzare gli strumenti giusti per fare trading. Lo strumento più importante è il broker, cioè l’intermediario finanziario. Da notare che spesso il broker per il trading online non è solo un intermediario, ma anche il market maker. Questo significa che la scelta è davvero delicata e non ci si possono permettere errori. Come scegliere il broker? Sul sito Mercati24 è presente un’utilissima classifica dei migliori broker per trading online. Consultarla prima di fare la scelta non è consigliato. Ma non è solo il broker che conta quando si fa trading online. Quando si opera sui mercati finanziari è fondamentale avere fonti di notizie affidabili, visto che di solito le quotazioni dipendono dai principali fatti economici e non solo. Questo significa che è necessario sottoscrivere abbonamenti ad agenzie di stampa, che di solito sono a pagamento. Non possiamo pensare di fare trading e guadagnare seguendo le notizie sul sito del Corriere della Sera o di Repubblica.

L’atteggiamento mentale giusto
Ma non è solo una questione di strumenti materiali, è soprattutto una questione di atteggiamento psicologico. Se io considero il trading come un gioco, ad esempio, non porrò attenzione quando inserirò un ordine nel sistema e magari farò affidamento solo sulla fortuna. Ora, la fortuna guida tutte le nostre azioni e il nostro successo e senza fortuna non si fa nulla nella vita. Ma confidare esclusivamente nella fortuna significa aumentare in maniera considerevole le probabilità di perdere i propri soldi.

Studio e impegno
L’atteggiamento giusto è invece quello del trader che si impegna, giorno dopo giorno. E avere successo nel trading online si basa sostanzialmente sullo studio. Bisogna studiare sempre e comunque. Non esiste trader di successo che non dedichi almeno qualche ora al giorno a studiare. Si deve studiare l’andamento dei mercati, i principi finanziari generali, le migliori strategie, persino nuovi paradigmi. Pensiamo ad esempio alla grande rivoluzione indotta dalle opzioni binarie. Molti trader si erano abituati a operare sui mercati con i CFD (contratti per differenza) ma quando sono arrivate le opzioni binarie, che sono più convenienti, hanno studiato come funziona questo strumento e poi lo hanno utilizzato. La verità è che nel trading online non si può mai dormire sugli allori.

Come funziona veramente il trading online
Nell’introduzione a questo articolo abbiamo detto che fare trading online non consiste necessariamente nel comprare o vendere, ad esempio, un’azione. Di solito conviene operare con strumenti più intelligenti, come i contratti per differenza o le opzioni binarie. Perché? Perché se io compro un’azione e il prezzo aumenta, guadagno e la posso rivendere. Se però il prezzo scende, ci perdo e non posso farci nulla. Gli strumenti finanziari derivati, invece, non comportano l’acquisto dell’azione ma di una semplice opzione, il cui valore varia in rapporto al valore dell’azione. Questo significa che con i derivati si può guadagnare sia quando il prezzo dell’azione va su sia quando va giù. E’ implicito dire che si guadagna se si prevede correttamente quale sarà la variazione, altrimenti si perdono soldi.



Argomenti correlati a: Il trading online? Non è un gioco!


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>