ttgh2-banner_0 Tempo Libero

Tokyo Twilight Ghost Hunters: Daybreak Special Gigs – recensione – PS4


Tokyo Twilight Ghost Hunters: Daybreak Special Gigs è l’edizione per console PlayStation 4 del gioco Visual Novel + RPG strategico di NIS America, riedizione definitiva che, oltre al porting ben riuscito su console ammiraglia della Sony – dopo le versioni PS3 e Vita dello scorso anno – aggiunge nuova linfa al titolo precedente. Nuovi contenuti e ambientazioni, nuovi scenari e un aspetto da novella visuale avanzato sia nell’artwork che nel design e nella caratterizzazione dei personaggi.

Dicevamo che questa nuova edizione per console PS4 di TTGH presenta parecchie variazioni e novità rispetto alle precedenti: le animazioni, lo stile raffinato ed elegante dei personaggi sempre mantenendo ben presente il concetto dell’anime/manga, ambientazioni sempre tetre e cupe ma con maggiori dettagli da esplorare e che tentano di coinvolgere il giocatore.

ttgh_4

 

L’oscurità la fa da padrona in questo che non può semplicemente presentarsi come un visual novel alla nipponica. Perché l’elemento principale del gioco non solo dato dalla storia, ma anche dal mistero celato e poi svelato, dalla cura delle relazioni tra i personaggi e dal sistema di combattimento stile rpg da tavolo. Infatti, la sezione di combattimento è quella che rende la combriccola di cacciatori di fantasmi veri e propri acchiappaspettri, con tanto di rilevatori e con uno strumento (tavoletta Ouija!) che serve per compiere le azioni, e per catturare lo spettro di turno. Qui, il sistema di combattimento lascia un po’ a desiderare in quanto non si riesce, neanche dopo alcune ore, a venirne a capo. Se uno spettro non si vuol far trovare non esiste strategia che tenga, se non quella di far concludere la partita e ritentare altre aree. I turni concessi infatti appaiono pochini vista anche la poca rilevanza che assumono alcune mosse.ttgh2-1_0

Il bello e il cattivo tempo a questo punto lo fanno le storie dei vari personaggi: sin dall’inizio possiamo personalizzare il nostro giovane protagonista, neo arrivato alla Kurenai Academy di Shiniuku a Tokyo, non solo nome e altezza, ma persino il gruppo sanguigno. Veniamo subito calati nell’aspetto tetro e oscuro della nuova scuola e siamo ben presto gettati nella mischia, dalla bellissima e cinica signorina Chizuru Fukurai, che guida con fermezza il gruppo di Gate Keepers. Notiamo una profondità dei caratteri quanto basta e possibilità, con le scelte del giocatore, di determinare ora questa, ora quella reazione. Il sistema di dialogo visivo è inoltre importante per risolvere taluni misteri e scovare il nascondiglio di alcuni spettri, il tutto è arricchito con un po’ di saggia tradizione e leggenda in salsa giapponese. L’artwork, dicevamo, davvero curato e affascinante, così come le musiche di sottofondo (anche se qualche forzatura nel momento della battaglia l’abbiamo notata). Belle invece le animazioni in soggettiva quando scoviamo (quasi per puro caso, c’è da dirlo) il fantasma di turno.

fukurai

Un comparto tecnico e grafico di alto profilo, musica, ambientazioni, storie dei personaggi, avvincenti, specie se si riescono a sbloccare le quest nascoste per ciascuno di essi, interessante anche l’aspetto economico per il quale si cerca di fare meno errori possibili in battle-system, tutto questo arricchisce la novella grafica di contenuti piacevoli e divertenti, purtroppo la modalità strategica quasi assente nei combattimenti diventa talvolta snervante.

ttgh2-4_0

 

Tutto sommato l’esperienza di gioco è sufficientemente completa, quindi se si cerca una visual novel ‘attiva’, sicuramente Tokyo Twilight Ghost Hunters: Daybreak Special Gigs è una soluzione più che adatta. Con contorni di tradizione-cultura Japan tutt’altro che scontati, da non sottovalutare. Se si cerca una storia ibrida tra la visual novel e l’rpg strategico, qui qualcosa da migliorare ancora c’è.

Tokyo Twilight Ghost Hunters: Daybreak Special Gigs - review - PS4

SVILUPPATORI 66%
STORIA 67%
GRAFICA 73%
GIOCABILITA' 55%
DURATA 55%
PERSONAGGI 69%
Final Thoughts

L'esperienza di gioco è sufficientemente completa, quindi se si cerca una visual novel 'attiva', sicuramente TTGH è una soluzione più che adatta. Contorni di tradizione-cultura Japan da non sottovalutare. RPG strategico da migliorare.

Overall Score 64% Valutazione
Readers Rating
2 votes
68


Argomenti correlati a: Tokyo Twilight Ghost Hunters: Daybreak Special Gigs – recensione – PS4