Tempo Libero

Scoperti i primi reperti scolpiti da ‘Homo erectus’


Un team di paleontologi e geologi della Francia e degli Stati Uniti ha scoperto nei pressi del lago Turkana in Kenya, una serie di strumenti in pietra creati da un’ antenato umano della specie Homo erectus,circa 1,76 milioni di anni . I ricercatori, che hanno pubblicato sulla rivista Nature la scoperta, hanno riferito che tali strumenti  sarebbero 300 mila anni più anziani di altri utensili realizzati con la stessa tecnica per questa specie di ominidi.

Mentre in precedenza uno degli autori dello studio, Helene Roche dell ‘Università di Parigi Naterre, aveva già pubblicato scoperte per utensili con simili date, questi nuovi pezzi confermano che quei tipi di ominidi umani erano presenti in tutta l’Eurasia e Africa due milioni di anni fa, erano in grado di modellare  pietre e spigoli . Gli strumenti sono stati trovati a pochi chilometri da dove il team di Richard Leakey,  nel 1984, trovò lo scheletro più completo e conosciuto di Homo erectus, soprannominato il Turkana Boy’ .  Altri specialisti, come l’archeologo Manuel Santong, del National Center for Human Evolution (CENIEH), haa avuto incontri simili per alcuni strumenti di pietra, alcuni forniti da Roche che appartengono circa a 1,6 milioni di anni fa. Per quanto riguarda il suo possibile utilizzo, il paleontologo Eric Delson sostiene che, date le sue dimensioni, avrebbe potuto essere utilizzato per uccidere grandi animali come gli elefanti. Servono per cercare di prendere qualcosa da lontano. 

L’Archeologo spagnolo Manuel Domínguez-Rodrigo è più cauto e riconosce che allo stato attuale, non sono stati trovati siti dove ci sono questi tipi di strumenti e ossa animali con segni che sono stati tagliati da loro. D’altra parte, i ricercatori sottolineano il fatto che ci fossero due strumenti differenti (un più primitivo rispetto agli altri) , il che potrebbe significare che l’Homo habilis  e l’Homo erectus hanno vissuto allo stesso tempo, o avrebbe utilizzato a  seconda delle esigenze, come sostiene la squadra di Domínguez, Rodrigo, che scavò molti anni nella gola di Olduvai.

“Abbiamo bisogno di capire meglio l’ambiente in cui vivevano, perché ci darà indizi per i processi evolutivi della biologia umana, che è stata interessata da cambiamenti climatici, la vegetazione e la fauna del loro ambiente”, conclude Lepre. 

 

 

 

 

 



Argomenti correlati a: Scoperti i primi reperti scolpiti da ‘Homo erectus’


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>