batterio Yersinia pestis Tempo Libero

Ricostruito il genoma del batterio della ‘morte nera’ del 1350



Più di 600 anni dopo aver ucciso la metà della popolazione europea, il batterio Yersinia pestis, conosciuto come ‘la peste Nera’, è una notizia perché un team internazionale di ricercatori è riuscito a comporre la sua sequenza di DNA .Questo è il patogeno antico che è stato ricostruito , permettendo così di analizzare come si è evoluta nel corso degli ultimi sei secoli, dal momento che oggi sta ancora uccidendo le persone.

I ricercatori, quasi tutti i canadesi e tedeschi, hanno concluso che la variante che ha causato il caos nel tardo Medioevo è quasi lo stesso di come lo conosciamo oggi, questi piccoli cambiamenti potrebbero essere la ragione per cui ora non può uccidere molte persone e così rapidamente.Il DNA dei batteri è stata ottenuto da gli scheletri di migliaia di vittime della peste nera, che sono stati sepolti in fosse alla periferia di Londra. In alcuni nei desti vi erano dei resti di dna, dopo essere stati sottoposti a screening per la contaminazione è stato possibile ricostruire il genoma dei batteri.

Un’altra conclusione della scoperta è che, contrariamente a quanto si pensava, il batterio Yersinia pestis non è la stessa che ha causato l’epidemia durante il regno di Giustiniano nel VI secolo, come si pensava finora.Il confronto con il genoma batterico attuale suggerisce che fattori come l’ambiente, il vettore di trasmissione (ratti, nel caso della peste nera) e la suscettibilità della possibile vittima ha un ruolo importante per essere infettati da questo organismo mortale .

Leave a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>