Sicurezza informatica

Pentagono svela la strategia per sicurezza informatica



Il Pentagono vuole svelare la sua strategia per proteggere i propri sistemi informatici che va oltre i firewall hardware/software, l’uso di sensori, software e dati raccolti dai servizi segreti devono essere ben protetti per risiedere su server così delicati.

Allo stesso tempo, i funzionari hanno lavorato per rendere il loro sistema “Cyber ​​3.0″ una strategia vincente , per il momento non sembra troppo bellicosa, nel tentativo di contrastare la guerra del cyber spazio e difendere i sistemi militari.

Queste percezioni sono stati guidati dalla creazione di US Cyber ​​Command, un’organizzazione militare alleata con l’agenzia di spionaggio più grande e tecnologicamente sofisticata del governo, la National Security Agency. Il Pentagono ha anche dichiarato che il cyberspazio è un nuovo “dominio” di guerra e bisogna combattere come la lotta attuale in aria, terra, mare e spazio.

“Lungi dal cyberspazio la militarizzazione, la nostra strategia di protezione delle reti è negare il beneficio di un attacco , questo aiuterà a dissuadere gli operatori militari per la lotta al cyberspazio a utilizzare a fini ostili attacchi programmati”

L’implementazione della strategia è stata ritardata di più di sei mesi, il Pentagono ha accettato di fare riferimento al cyberspazio come un dominio strettamente in termini di difesa per le reti militari, piuttosto che come una vera e propria rete di guerra.

La strategia del Pentagono ha cinque “pilastri” realizzando una “difesa attiva” come sensori e software in grado di rendere le reti più resistenti ad attacchi. Tali tecnologie hanno spinto un dibattito all’interno del Pentagono sulla possibilità che possano essere usati per neutralizzare il codice potenzialmente dannoso nel sistema di un avversario in modo da fallire e non portare a termine eventuali attacchi mirati.



Argomenti correlati a: Pentagono svela la strategia per sicurezza informatica


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>