Facebook

Path sfida Facebook


path

Ecco Path, nuovo competitor di Facebook

David Morin, colui che aveva contribuito con Mark Zuckerberg allo sviluppo di Facebook, dopo aver lasciato quest’anno il progetto del social network più famoso al mondo, ne ha realizzato un per conto proprio: stiamo parlando di un personal network, chiamato Path, dove si potranno avere massimo 50 amici e con questi sarà possibile condividere fotografie scattate con il telefonino. Allo stato attuale, esiste già una versione per I-Phone e prossimamente saranno disponibili quelle per Blackberry e per Android. Che differenza c’è tra un social network ed un personal network? L’idea realizzata da David Morin verte sul concetto che gli utenti ricercano un network con maggiori controlli (a livello di sicurezza) ove siano presenti solo “amici fidati”. Il limite massimo di 50 amici deriva da un’approfondita ricerca dell’antropologo Robin Dunbar, che ha sostiene che quello è il numero massimo di persone con cui si possono instaurare  relazioni durature nel tempo (o meglio quelle che inviteresti al tuo compleanno).

Secondo gli esperti dei social network, il numero ristretto di amici renderebbe la creazione di Morin poco appetibile per quanto riguarda la pubblicità. Ma il fondatore di Path, ha idee totalmente differenti: “Dal momento che le persone caricheranno sul sito tantissime informazioni sulla propria vita, per le aziende ci sarà la possibilità di parlare agli utenti di Path in modo personale, cosa che non hanno mai potuto fare prima”.



Argomenti correlati a: Path sfida Facebook


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>