Tempo Libero

Moody’s e i tagli al rating italiano



AGENZIA DI RATING MOODY’S ha tagliato il rating dei titoli di Stato italiani, tagliando il rating da tre tacche e allarme di ulteriori tagli futuri.Sono la prima volta che Moody hanno tagliato il rating italiano in due decenni.Rating di Moody ora a A2 da Aa2. Il nuovo rating italiano è ancora cinque tacche al di sopra della soglia misera.Le agenzie hanno messo le obbligazioni su un valore negativo, indicando che ulteriori downgrade potrebbero essere sulla strada ed arrivare molto presto.Il Financial Times riporta le parole di Moody che ha detto che il rischio italiano di default è “remoto”, ma ha detto l’incertezza economica e politica del nostro paese porterà a problematiche per la fiducia mondiale dei mercati.

Il contesto di mercato incerto e il rischio di un ulteriore deterioramento del sentimento negativo degli investitori potrebbe limitare l’accesso del Paese ai mercati del debito pubblico.Il declassamento era stato previsto dal momento che Moody aveva messo in guardia delle obbligazioni italiane due settimane fa. Gli analisti ha detto a Reuters che il downgrade non è stato una causa di una posizione di bilancio precaria, ma piuttosto perché gli investitori sono diventati più sensibili ai rischi a lungo termine e sono diffidenti nei confronti di debito in Italia, che è superiore a quello della maggior parte dei paesi.I tempi del downgrade non potrebbe essere motivo peggiore per l’Eurozona, che è già alle prese con le paure per la Grecia. La Grecia ha bisogno di € 8 miliardi entro la fine del mese o sarà a corto di denaro e di essere di fronte alla prospettiva di dover tagliare la spesa pubblica ancora di più.



Argomenti correlati a: Moody’s e i tagli al rating italiano


One comment on “Moody’s e i tagli al rating italiano

  1. Pingback: Moody’s e i tagli al rating italiano | SegnalaFeed.It

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>