Sicurezza informatica

McAfee: i dati aziendali nuovo obiettivo del Cybercrime



I criminali informatici  hanno spostato la loro attenzione dalle carte di credito e altri dati personali per le grandi imprese, secondo un nuovo studio condotto da McAfee e Science Applications International Corporation (SAIC) proprio i dati privati delle grosse società sono l’obbiettivo dei criminali per far soldi.

Questo include i segreti commerciali e di documenti di pianificazione di un prodotto, secondo il rapporto, che era basato su un sondaggio di oltre 1.000 responsabili IT tra Stati Uniti, Regno Unito, Giappone, Cina, India, Brasile e Medio Oriente.. Gli Stati Uniti, Regno Unito e Germania sono state percepite come le più sicure.

I criminali informatici  hanno spostato la loro attenzione dalle carte di credito e altri dati personali per le grandi imprese, secondo un nuovo studio condotto da McAfee e Science Applications International Corporation (SAIC) proprio i dati privati delle grosse società sono l’obbiettivo dei criminali per far soldi.

Questo include i segreti commerciali e di documenti di pianificazione di un prodotto, secondo il rapporto, che era basato su un sondaggio di oltre 1.000 responsabili IT tra Stati Uniti, Regno Unito, Giappone, Cina, India, Brasile e Medio Oriente.. Gli Stati Uniti, Regno Unito e Germania sono state percepite come le più sicure.

Il cinquanta per cento degli intervistati ha deciso di non indagare su un incidente a causa del costo di un’ indagine, garantendo che non ci saranno interventi di bonifica dei problemi che ha causato la violazione. Solo il 30 per cento delle organizzazioni ha riportato tutte le violazioni dei dati.

Puoi leggere lo studio completo riportato dalla società McAfee ( PDF ).



Argomenti correlati a: McAfee: i dati aziendali nuovo obiettivo del Cybercrime


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>