Tecnologia

La NASA: Satellite nel Pacifico



La Nasa ha detto che tutti i detriti del satellite di ricerca in disuso sembrano essere caduti in una sezione remota dell’Oceano Pacifico e lontano dalla costa occidentale degli Stati Uniti, ma il punto preciso non può mai essere individuato. Nick Johnson, scienziato capo per i detriti orbitali presso il National Aeronautics and Space Administration, ha detto ai giornalisti la traiettoria di fuoco del satellitare conclusa con i detriti sparsi su un tratto di circa 500 miglia attraverso la porzione settentrionale del Pacifico.

Circa 11 ore dopo Johnson ha detto che non c’erano rapporti credibili di detriti a terra. Ma secondo l’esperto non i può mai sapere con certezza dove le macerie sono finite, ha detto ai giornalisti, come altri dispositivi di localizzazione forniscono posizioni solo approssimative, e detriti ha cominciato cadere verticalmente. La NASA ha anche detto di non aver ricevuto alcun rapporto di avvistamenti detriti dagli aerei o navi.

Gli Stati Uniti utilizzano sensori e sistemi informatici sofisticati per tenere traccia di più di 20.000 pezzi di detriti in orbita, e lo stesso sistema è utilizzato per seguire i satelliti o altri oggetti che cadono sulla Terra. I rischi derivanti da collisioni tra satelliti e parti di detriti in orbita,è un tema che preoccupa sempre di più alcuni esperti militari e aerospaziali. I detriti sono essenzialmente il residuo di centinaia di lanci di razzi, satelliti dismessi, missioni di esplorazione e altri oggetti artificiali che partono dalla terra. Con una stima di 750 o più satelliti attualmente in orbita, e molte nazioni cercando di lanciare satelliti si prevede un aumento di collisioni. Gli astronauti a bordo della stazione spaziale internazionale periodicamente sono costretti a prendere misure di emergenza per affrontare le minacce.



Argomenti correlati a: La NASA: Satellite nel Pacifico


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>