Tecnologia

Il mistero di Mary Shelley e il mito di Frankestein



Oggi Google celebra Mary Shelley e con lei tutti i suoi capolavori che questa scrittrice ha portato alla vecchia e nuova generazione . Il logo di Google infatti prende spunto dal mistero e fantasia che la scrittrice ha saputo cospargere e inventare nelle sue opere tra cui la più conosciuta e attualissima seppur vecchia di quasi due secoli, è Il moderno Prometeo, più conosciuta come Frankestein.

Il mito di Frankestein nella cultura moderna

Il personaggio protagonista Frankestein è un’emblema e fa riferimento anche al  linguaggio quotidiano , la crescita inarrestabile della tecnologia che riesce sempre a stupire il prossimo ormai è entrato nelle nostre case ma nella lontana epoca di Mary Shelley probabilmente si iniziò a sentire la potenza e il primo fascino della scoperta e la paura per lo sviluppo tecnologico , tutto questo rappresentava qualcosa di oscuro e misterioso.

Dal mito di Frankestein alla tecnologia moderna

Dalla pubblicazione del libro, il nome di Frankenstein è entrato nella cultura popolare anche con diversi capolavori del cinema , la storia e il mito successivamente  sono stati anche riportati sul grande schermo con qualche differenza rispetto al romanzo.Oggi non abbiamo paura della tecnologia ma possiamo ben immaginare lo stupore delle persone verso gli inizi dell’800 e l’alone di mistero che copriva questi personaggi che trattavano tematiche particolari e innovative  per una società chiusa e spaventata dal romanzo che ha inaugurato il genere fantascientifico .

Frankestein hacker dell’800

La storia del dottor Victor von Frankenstein, l’uomo che grazie ai suoi esperimenti fu in grado di ricreare la vita nelle fattezze di una creatura mostruosa, ottenuta assemblando organi di persone morte.Ecco che dopo la lettura di questa frase nella mia mente è nato l’accostamento iniziale di un Frankestein hacker rivoluzionario che grazie ai suoi esperimenti che andavano oltre qualsiasi testo scientifico è riuscito nell’impresa straordinaria di spaventare ma al tempo stesso creare interesse verso la ricerca scientifica e tecnologica potendolo quasi definire un precursore della ricerca tecnologica e scientifica.



Argomenti correlati a: Il mistero di Mary Shelley e il mito di Frankestein


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>