Tempo Libero

I rotoli del Mar Morto in digitale



Dopo 24 secoli dopo la sua creazione e 60 anni dopo la sua riscoperta, uno dei reperti archeologici più importanti del secolo scorso rinasce con l’aiuto della tecnologia. Una partnership tra l’ Israel Museum, Gerusalemme, e Google ha permesso la creazione di una formidabile versione digitalizzata dei Rotoli del Mar Morto , con immagini ad altissima risoluzione che possono offrire tutte le traduzioni interessati di ogni capitolo colonna e versi.

Si dice che le migliori scoperte sono fatte a caso, il valore storico del Rotoli del Mar Morto è al di là di qualsiasi controversia di proprietà o di appartenenza, anche se c’è un conflitto fra la Giordania e Israele, con le accuse di furto risalente alla Guerra dei Sei Giorni. A meno che non vi è una mostra in programma (come quella tenutasi a Toronto nel 2009) , l’unico modo per avvicinarsi ai manoscritti è quella di essere presente al Santuario del Libro , che si trova presso il Museo di Israele, Gerusalemme . Tuttavia, da ieri c’è un ottima alternativa, che supera le distanze per i curiosi.

I responsabili del Museo, in partnership con Google , ha pubblicato online una versione digitale dei manoscritti in alta risoluzione. Secondo il funzionario, alcune delle immagini hanno una risoluzione massima di 1200 megapixel , che permette di apprezzare i manoscritti. Allo stesso tempo, quei manoscritti che esplorano le traduzioni possono accedere cliccando su una delle pagine.



Argomenti correlati a: I rotoli del Mar Morto in digitale


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>