Sicurezza informatica

Hacker compromette la sicurezza di Royal Navy


La Royal Navy il sito ufficiale è stato chiuso ieri (8 novembre) dopo che un hacker ha compromesso la sicurezza dei dati.I dettagli del computer sono state pubblicati online da un cittadino rumeno sconosciuto, conosciuto solo tramite il suo nome in codice come TinKode.

L’hacker, ha inserito i “valori hash” per le password personale su Internet.La vulnerabilità sql injection è stata resa nota sul sito con tutti i valori.

Questi valori hash sono essenzialmente una chiave per i criminali informatici per consentire loro di rompere facilmente le password degli utenti mediante la rottura del’algoritmo che ha generato l’hash.Secondo il Ministero della difesa, la violazione non ha provocato alcun danno volontario.

Ecco un’estratto del testo pubblicato…

Server : Apache/2.2.3 (Red Hat) DAV/2 PHP/4.4.9 mod_ssl/2.2.3 OpenSSL/0.9.8e-fips-rhel5
—————————————————————————
Machine : i686
—————————————————————————
Hostname : 223073-rndb1.mod.local
—————————————————————————
System User : amax_navy@192.168.10.17
—————————————————————————
OS : redhat-linux-gnu
—————————————————————————
Storage Engine : MyISAM
—————————————————————————
IP : 94.236.30.85
—————————————————————————



Argomenti correlati a: Hacker compromette la sicurezza di Royal Navy


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>