Sicurezza informatica

Gli hacker hanno colpito polizia italiana



Gli hacker hanno iniziato a rilasciare un gigabyte di documenti segreti rubati da una unità di criminalità informatica italiana.Ben 8GB di file è stato prelevato dalla rete del CNAIPIC italiana . In un messaggio che annuncia il rilascio dei documenti segreti, il gruppo di hacker Anonymous ha detto che ha ricevuto il file da una “fonte”. Quindi l’attacco è avvenuto da terze parti . L’attacco a CNAIPIC è pensato per essere un’avvertimento per gli arresti di membri italiani del gruppo.

Alcuni file confidenziali presumibilmente rubati a CNAIPIC sono stati immessi sul sito Pastebin.Anonymous sostiene che i file sono stati presi dai server di prova del CNAIPIC (Centro Nazionale criminalità informatica per la protezione delle infrastrutture critiche).

I documenti includono informazioni su uffici pubblici come il Ministero della Difesa australiana e il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti, nonché i dati sulle imprese private Gazprom, Exxon Mobil e molti altri. La struttura di gestione del CNAIPIC, le foto del personale e una lunga lista di tutti i documenti che sono stati presi dal server sono stati messi online.Gli ufficiali della divisione criminalità informatica in Italia ha effettuato una serie di incursioni nelle case di sospetti membri di Anonymous all’inizio di luglio. Tre persone sono state arrestate in seguito a questo mandato.



Argomenti correlati a: Gli hacker hanno colpito polizia italiana


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>