Sicurezza informatica

Gli hacker attaccano altri dati Sony,come difendersi



Ultimamente gli hacker hanno semi distrutto il brand Sony con questi attacchi su più lati, sembra quasi che sia un movimento governativo o aziendale ad andare contro Sony per la portata degli attacchi. Questa volta LulzSec, un gruppo che rivendica gli attacchi in televisione statunitense PBS e Fox.com, ha detto che ha in mano tutti i dati del sito Sony Pictures Entertainment. Ha pubblicato i nomi, le date di nascita, indirizzi, email, numeri di telefono e password di migliaia di persone che erano entrati ai vari concorsi online.

“Da una singola iniezione di sql injection, si accede a tutto”, il gruppo di hacking ha detto in un comunicato che ha pubblicato online. “Perché la società lascia questi bug e compie questi errori semplici”.

Non vorrei rispondere per conto di Sony ma avere migliaia di siti web e portali tematici sparsi in tutto il mondo è veramente difficile organizzare un lavoro univoco su server e postazioni web per renderle sempre sicure e aggiornate. Vorrei quasi dire che questi sono maniaci del protagonismo e niente altro per ora. Potrei anche pensare che società rivali pagano per screditare la Sony . Ma adesso pensiamo a come fare per difendere i nostri dati. Una volta che compiliamo form online i nostri dati sono inoltrati ad un database quindi questo dobbiamo saperlo che quei dati non svaniranno in nessun modo, ma saranno conservati per anni in database e archivi aziendali. Per quanto riguarda la carta di credito, utilizziamo sempre una prepagata momentanea, ovvero la carichiamo e utilizziamo velocemente. In questo modo i soldi saranno sopra giusto il tempo per utilizzarla .



Argomenti correlati a: Gli hacker attaccano altri dati Sony,come difendersi


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>