Tecnologia

Facebook, Social e Tech anche per organizzare gare clandestine


Succede anche questo, usare Facebook per aggregare, organizzare, darsi appuntamento: niente di strano se si pensa che i socialnetwork nascono proprio con questi scopi. Certo, se si organizzano gare clandestine a mezzo Social, non si può però non tenerne conto.

E’ successo a Bergamo, nella provincia, dove alcuni ragazzi (anche giovanissimi) hanno utilizzato il noto socialnetwork di Zuckerberg per organizzarsi in gare clandestine: queste gare venivano organizzate con luoghi e orari ben definiti, presso il centro commerciale, nell’area relativa ai parcheggi. Le segnalazioni costanti hanno dimostrato come i giovani avessero già creato un folto gruppo, assiduo, negli incontri venivano organizzate le gare con motociclette, probabilmente a premi, e venivano realizzati parecchi video amatoriali.

gruppi facebook per organizzare gare clandestine di motociclette

Ecco che la tecnologia viene in aiuto di chi svolge le indagini: i video salvati su parecchi smartphone dei partecipanti, anche passivi, hanno pertanto consentito di rintracciare alcuni tra organizzatori e partecipanti attivi. Le multe arriveranno anche a parecchie migliaia di euro, oltre alle denunce a pioggia.

Facebook, come gli altri socialnetwork nasce con l’idea di aggregare settori e classi sociali differenti, ma anche di organizzarsi in gruppi aventi stessi interessi e obiettivi: questo ha portato questi giovani a sfruttare l’onda d’urto del potere dei social per organizzarsi in gare clandestine e guadagnarci anche un po’.

Ma le multe saranno salatissime…ecco perché questo è il metodo sbagliato di utilizzare Facebook.



Argomenti correlati a: Facebook, Social e Tech anche per organizzare gare clandestine


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>