Tempo Libero

Comunicazioni ultra veloci con il Grafene


Un nuovo studio, pubblicato questa settimana ha reso omaggio alla duttilità e velocità del grafene per l’uso come fotorivelatori in comunicazioni ottiche di alta velocità per il futuro.Combinando le nanostrutture metalliche grafene, sono riusciti a raccogliere miglioramenti pari a 20 volte, la scoperta apre la strada a progressi per Internet ad alta velocità e altre comunicazioni. Lo studio ha coinvolto gli scienziati delle Università di Manchester (dove il grafene è stato scoperto nel 2004) e di Cambridge, tra cui Andre Geim e Kostya Novoselov, vincitori del Premio Nobel per la Fisica nel 2010 per i suoi “esperimenti innovativi in ​​relazione al materiale grafene dimensionale “

Inserendo due fili metallici molto ravvicinati sulla parte superiore del grafene , i ricercatori avevano precedentemente dimostrato che esso genera energia elettrica. Dispositivi di grafene possono essere incredibilmente veloci, decine e forse centinaia di volte più veloce di Internet veloce via cavo, che è dovuto alla natura unica degli elettroni nel grafene, elevata mobilità e alta velocità.Una struttura che rende le comunicazioni ultra veloci. Il più grande ostacolo per le applicazioni pratiche di questi dispositivi, è stata la sua bassa efficienza. Il problema è che il grafene, materiale più sottile del mondo, assorbe poca luce, solo circa il 3%, il resto si perde senza contribuire in elettricità. I ricercatori di Manchester hanno risolto questo problema mediante la combinazione di grafene con strutture metalliche, soprattutto disposte sulla parte superiore del grafene. Queste nanostrutture, chiamato plasmoniche sono riuscite a concentrare la luce nello strato di carbonio nello spessore di un atomo. Utilizzando nanostrutture plasmoniche, il miglioramento grafene è aumentato venti volte senza sacrificare la velocità.

In futuro, tale efficienza può essere migliorata ulteriormente. Secondo il Dr. Alexander Grigorenko, esperto di plasmonica e membro di spicco della squadra, ecco le sue parole a riguardo “”il grafene sembra una compagna naturale della plasmonica. Nanostrutture plasmoniche ci aspettavamo che migliorano l’efficienza dei dispositivi basati sul grafene, ma è stata una sorpresa piacevole che miglioramenti sono stati così notevoli. “”

 

 



Argomenti correlati a: Comunicazioni ultra veloci con il Grafene


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>