Sicurezza informatica

Bucato il Kernel ma si tratta del noto sito web


Niente paura nessuna falla remota nel Kernel Linux , si tratta del noto sito web Kernel.org che è stato preso di mira ed è stato caricato un malware e codice infetto sul sito web. Ma i sorgenti di Linux sono la sicuro grazie al sistema hash che assicura di rendere unici i sorgenti dei file . I criminali hanno avuto accesso alla cartella principale del sito e da remoto hanno caricato i file maligni per compromettere gli utenti.

Per rendere chiara la faccenda,  i cyber-criminali sono riusciti a modificare vari file e caricare script di avvio al server oltre a confondere i log e usare le credenziali di accesso degli utenti. Ora il server è sotto manutenzione per modificare e ripulire tutto questo casino che è accaduto. Oltre anche a cambiare il login di oltre 400 utenti che hanno accesso al server per modificare pienamente i sorgenti del kernel. In questo caso gli hash hanno fatto il loro dovere tenendo lontano possibili file infetti e codici maligni.  Il server Hera è stato comunque compromesso e per qualche settimana gestito dai malviventi .  In questi ultimi mesi gli accessi indesiderati aumentano sempre di più e per molte aziende è un vero problema difendere file e dati preziosi da occhi indesiderati. Tutto questo a favore dell’industria del crimine informatico underground che opera per soldi e credenziali di aziende e utenti da rivendere al mercato.

 



Argomenti correlati a: Bucato il Kernel ma si tratta del noto sito web


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>