Tempo Libero

Antimateria intrappolata per 16 minuti



Antimateria, un tipo sfuggente di materia nell’universo, è stata intrappolata per più di 16 minuti , un grande passo avanti per la scienza che cerca notizie su questa nuova entità per la fisica delle particelle.Infatti, gli scienziati hanno affermato che sono stati catturati alcuni atomi di antidrogeno presso l’Organizzazione europea per la ricerca nucleare (CERN) di Ginevra, in questo modo gli esperimenti di ricerca potrebbero iniziare su questa sostanza molto rara.L’antimateria la possiamo definire l’opposto della materia. Per ogni particella di materia (un atomo di idrogeno, per esempio), una particella di antimateria corrispondente con un’ atomo di antidrogeno) con la stessa massa, ma carica opposta.I dubbi sono ancora tanti su questa nuova scoperta ma per il momento è la prima forma di antimateria.

“Sono stati intrappolati atomi di antidrogeno per tutto il tempo di 1.000 secondi, così ha detto il prof. Joel Fajans, della University of California, Berkeley, il professore di fisica è uno scienziato della facoltà di Lawrence Berkeley della California per il Laboratorio Nazionale e membro del ALPHA (Antihydrogen Laser Physics Apparatus) che opera al CERN.

La cattura dell’antimateria è difficile, perché quando si entra in contatto con la materia, i due si annientano. Quindi, un contenitore di antimateria non può essere fatto di materia normale, ma di solito è formato con i campi magnetici.Nel progetto ALPHA, i ricercatori hanno catturato antidrogeno da antiprotoni ,la  miscelazione con positroni – antielettroni – in una camera a vuoto, dove si combinano in atomi di antidrogeno.L’intero processo si è verificato all’interno di un campo magnetico che sfrutta le proprietà magnetiche degli antiatomi per tenerli contenuti. Una bottiglia reale, fatta di materia ordinaria, non sarebbe in grado di contenere antimateria, perché quando i due tipi di materia si incontrano si distruggono completamente.



Argomenti correlati a: Antimateria intrappolata per 16 minuti


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>