Tempo Libero

Anticipazioni Il Segreto puntata 16 maggio: Zamalloa e la lettera / inTV


La lettera di Zamalloa spiegherà tutto sulla sua fuga? Tristan e Pepa non si accontenteranno della missiva? Secondo le anticipazioni de Il Segreto in onda oggi 16 maggio 2014 come di consueto sulle reti Mediaset, ultima puntata della settimana, i due dovranno indagare a fondo sulla reale motivazione che ha spinto alla fuga l’investigatore.

zamalloa-e-pepa-la-lettera-anticipazioni-il-segreto

La soap iberica si arricchisce di nuovi scenari, con possibili segreti che si nascondono dietro la fuga di Zamalloa: quali i reali motivi? Possibile che Pepa non sia riuscita a trattenere colui con cui aveva ormai instaurato un rapporto di fiducia tale, almeno, da essere avvertita?

La fuga di Zamalloa ha preso alla sprovvista tutti, anche lo stesso Tristan che in maniera egoistica non avrebbe alcuna intenzione di capire le reali intenzioni dell’antagonista e il motivo per il suo abbandono come un fulmine a ciel sereno. La fuga improvvisa verrà oggi smascherata o dovremo attendere le prossime settimane per capire cosa ha spinto, davvero, Zamalloa alla fuga da un paesaggio idilliaco e da un luogo in cui tutto sembrava sistemarsi e ogni cassetto andare al proprio posto?

Ma non c’è solo la storia e le indagini di Pepa e Tristan, la storia della lettera di Zamalloa sulla propria fuga a tenere banco secondo le ultime anticipazioni Il Segreto della puntata conclusiva della settimana: infatti, lo stesso investigatore nella lettera darà conto delle sue ultime indagini sull’omicidio di Mesia. Ma non finisce qui, adesso anche Alfonso ed Emilia iniziano un turbinio di segreti di coppia che non possono essere svelati, almeno oggi. Infatti, Alfonso apparirà turbato e non potrà comunicare alla sua sposa i motivi dei propri turbamenti e delle preoccupazioni che gli attanagliano la mente…tutto questo nella puntata odierna, 16 maggio 2014, de Il Segreto.



Argomenti correlati a: Anticipazioni Il Segreto puntata 16 maggio: Zamalloa e la lettera / inTV


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>